lunedì 31 dicembre 2012

Thank you disillusionment


Misuro la vita trascorsa nell’ultimo anno con il contagocce dei pensieri. Lascio cadere ogni goccia sul pavimento di legno chiaro e la osservo espandersi e scomparire. Il tempo è in fondo questo, un elenco di numeri a cui noi vogliamo dare un senso per sopravvivere. Quel senso che ci permette di vederci nascere, crescere e morire. È stato un anno di rinuncia e solitudine voluta. Un anno ci fragilità e forza. Un anno di addio e di morte. Eppure anche un anno di gratitudine immensa. Sono grato a me stesso per essere ancora in piedi e a tutti coloro che mi hanno sorretto. Ma anche a tutti quelli che ho dovuto sorreggere cercando la forza residua che non pensavo di avere. Grazie al terrore del fallimento che mi porto dentro ad ogni passo e che mi ha scorticato l’anima così tante volte da renderne la pelle trasparente. Sono grato alla logica spietata della mia mente, la sua consequenzialità che scompone ogni piccolo respiro in mille mondi da esplorare. Grazie alla provvidenza, divina o umana che sia, che mi impedisce di scivolare all’ultimo istante, quando già distinguo bene il fondo del precipizio. Sono grato alla sapienza ebraica e a quella dei saggi druidi, la mia India interiore, il mio faro nel buio che mi permette di intravedere la fede, di pensare all’eternità senza piangere per la mia miseria umana. Grazie al nulla che in certe serate mi divora il cuore in morsi scarlatti, perché mi aiuta a sentirmi pieno con soltanto piccoli sorsi di vita. Sono grato al silenzio con cui si chiude questo anno, da cui ogni nota e ogni ispirazione germogliano. “Thank you India, thank you terror, thank you disillusionment. Thank you frailty, thank you consequence, thank you, thank you silence…thank you providence... Thank you nothingness, thank you clarity..”. Ma soprattutto sono grato alla disillusione che quest’anno mi ha reso nuovo e consapevole del mio essere: solo conoscendo il poco che si è, si può partire per ricostruirsi. Grazie. Buon 2013 a tutti.
 
Le parti in inglese sono tratte da “Thank U” di Alanis Morissette.

domenica 30 dicembre 2012

Ask the yews














There’s no noise in the abbey *
With these dead leaves on the paths
And this warm wind caressing
Yes we know it’s a deep blessing

I hear a prayer in the air
Can’t understand where it came
I ask the yews to tell me
About life here in past eves

So many words and myths I’ve heard
Not possible to me to ignore
And near the kitchens I
See stuffs of other times

A woman in long robe so white
And a pale face so sad and fine
A challenge I can face
Only with the full Faith

In a corner of the garden
The hawthorn ** it is flowered
There’s always the truth in legends
Through it knocking down sadness

So many words and myths I’ve heard
Not possible to me to ignore
And near the kitchens I
See stuffs of other times

A woman in long robe so white
And a pale face so sad and fine
A challenge I can face
Only with the full Faith

* 9 Dicembre 2012 - Abazzia di Glanstonbury (Uk) (nella foto: tassi secolari e l’abazzia)

** Il famoso biancospino di Glanstonbury

lunedì 24 dicembre 2012

The top of the world













On the top of the world
I can hear sun speaking
Directly towards the Land

From the top of the world
I can see the pillars
Of the earth sustaining us

Today I discover
There is no end
‘cause England is more than
My skill to understand

My mind cannot embrace
The endless Land
My soul only can take
The eternity by hand

Here there is no border
Sky seems to touch my shoulder
Stonehenge on the horizon

Christmas it is the Solstice
Christ the new born light
And there is no wrong and no right

Today I discover
There is no end
‘cause England is more than
My skill to understand

My mind cannot embrace
The endless Land
My soul only can take
The eternity by hand

Glastonbury Tor, 8th December 2012
Buon Natale a tutti
Daniel

domenica 23 dicembre 2012

Spirits out of the well














Oak is the queen
It is so clear
It is the first one to say welcome new sun

On Chalice Well
I see my hands
Into the waters even if I don’t touch it

Spirits out from the well
Go directly to the sky
Is my mind enough pure
To understand this delight?

And the dawn fills everything
We’re submerged by the new light
Everyone keeps its lesson
Deep into the immortal mind

The ritual is
For the Solstice
Triumph of darkness and rebirth of the new life

What does it mean
All this for me?
Return to the roots and new stuff for the future

Spirits out from the well
Go directly to the sky
Is my mind enough pure
To understand this delight?

And the dawn fills everything
We’re submerged by the new light
Everyone keeps its lesson
Deep into the immortal mind

8th December 2012, giardini del Chalice Well (Pozzo del calice) Glanstonbury (Somerset, UK), al termine del rituale di Alban Arthan (Solstizio di inverno) con l’OBOD ( Ordine dei Bardi Ovati Druidi ).

sabato 22 dicembre 2012

The fire of the land














Little things change
And it is strange
How much all is written
But we can read it
Just after all is happened

One thing I have thought
Since when I was born
Is that something’s missing
In my mind is so clear
That I am not complete

Somebody said if I deserve
The sweet embrace of the stones
The wind is cold but I feel inside the fire of the Land
It’s all what I would really really have

More than 10 years among stones
That of the sky are mirrors
My wisdom’s poor but I feel inside the fire of the Land
And there’s nothing of more I can pretend

Walking and walking
Tears of cold falling
I wrap myself in words
in prayers and hopes
Letting die the afternoon

Somebody said if I deserve
The sweet embrace of the stones
The wind is cold but I feel inside the fire of the Land
It’s all what I would really really have

More than 10 years among stones
That of the sky are mirrors
My wisdom’s poor but I feel inside the fire of the Land
And there’s nothing of more I can pretend

Avebury stones circle, UK, 7th December 2012

venerdì 21 dicembre 2012

Allineamento












L’illusione del cosmo
teatro del pensiero:
le stelle sono gli occhi
iridescenti di Dio.

Nell’ora fatidica
il respiro si ferma:
 istante di timore
speranza inconfessata.

Abbiamo perso nei secoli
la magia antica
di specchiarci l’anima
nel cielo diamantino.

Ci rimangono i canti
degli antenati
profeti inascoltati
di futuri interiori.

domenica 16 dicembre 2012

Hill of the ancestors


















We got lost last night
Just to reach this shore
That it is for me
The right to sing

While this rainy day
Turns into a prayer
I lit up a flame
On Silbury lane

What I have been in my soul lives
What I will be I can see
Into the hill of the ancestors
In front of me

I melt my fears in the green grass
Caress the wind with my skin
I am a man in constant lack
Of energy

I’ve got frozen hands
I am a lost lamb
May be here one day
I will find my way

Doesn’t seem today
The right day to say
Something I will find
More than zero line

What I have been in my soul lives
What I will be I can see
Into the hill of the ancestors
In front of me

I melt my fears in the green grass
Caress the wind with my skin
I am a man in constant lack
Of energy

Silbury Hill, 7th December 2012

martedì 11 dicembre 2012

La melodia del cosmo














Ci sono sentieri antichi
fitti di anime appuntite
con mari sepolti
e terre celesti
luoghi in cui ogni passo
è una preghiera
e il respiro sa raggiungere
le nuvole.

Qui i millenni sfumano
in albe incandescenti
e crepuscoli lunari
e ancora il vento suona
la melodia del cosmo.

Avebury, Wiltshire, 7/12/12

mercoledì 5 dicembre 2012

Giant of the Genesis












Things change and fire
It is gone away
Sometimes I feel like
An old fashion veil
That covers everything that I would see
That hides most of the things that I would keep

I am so fragile
Everything hurts me
And I’m a liar
When I say I feel
A giant of the Genesis over humans
I have only a different beat for future

I don’t want to
Become old without truths
Without a Faith to live for
Changing that way like weather
And this is the challenge of the life

So I leave once again
For the place of Chalice Well *
Looking for pieces of me
May be finding almost nothing
But this is the challenge of the life

The day of leaving
It is also the
Day of removal
To another place
Will this change my everyday life
Or will be always the same strive

I don’t want to
Become old without truths
Without a Faith to live for
Changing that way like weather
And this is the challenge of the life

So I leave once again
For the place of Chalice Well *
Looking for pieces of me
May be finding almost nothing
But this is the challenge of the life

* “Chalice well”: “pozzo del calice”(nella foto); si tratta di una sorgente situate a Glanstonbury (England) da dove da secoli sgorga un’acqua rossastra che si dice miracolosa. Secondo la leggenda qui Giuseppe di Arimatea portò il Sacro Graal (sto partendo per Glanstonbury, un saluto a tutti!!).

mercoledì 28 novembre 2012

Thar naoi dtonn *














Ci sono mattine piccole
cenere di fuoco spento
in cui le luci scheletriche del neon
sanno fagocitare l’alba
e i passi stretti sotto la pioggia
ingoiano sorrisi stentati.

Ma resta anche un altrove
oltre la nona marea **
dove la luna urla ancora vita
e il veleno del passato
si dilegua nel ventre fluido
dell’inconsapevolezza nuova.

* In lingua gaelica “Oltre la nona marea”: nella tradizione esoterica celtica, questa espressione definisce il punto in cui le leggi della terra degli uomini lasciano il posto a quelle fluide e imprevedibili dell’altro mondo.
** La luna piena di stanotte, 28 Novembre 2012, è detta “Luna della marea” nella spiritualità celtica: stiamo per immergerci nel mese più buio dell’anno, occorre lasciare il dolore indietro per riemergere rinnovati dal ventre buio della terra con l’arrivo della nuova luce.

lunedì 26 novembre 2012

Laila *
















Nelle notti lunghe
di insonnia masticata
i minuti sono gusci rotti
tra la nebbia affilata
in attesa di piangere
di nuovo la luce.

* "Notte" in lingua ebraica.

giovedì 22 novembre 2012

Yes it is ok














Yes it is ok
I lose myself in Brussels
Among all this mazes
I’m just a pair of trousers
It’s difficult to hide
To myself that I’m
Nothingness

She said she is going
To be in love with him
I think I‘ve avoid
For a long time
those things
It’s cold but not so much
My face is no more young
This night

And I can find her
In Delphi in the wood
Olives trees and future
To live

And then I see her
In the terrace of glass
Near the sea of La Manche
To love

And what about me?
My story seems to be
Desires with no reaching
Anything

I’ve always felt proud
To be allowed to hope
But it is not right
To waste this way my time
I collect many plots
And every one seems all
I’ve not

And I can find her
In Delphi in the wood
Olives trees and future
To live

And then I see her
In the terrace of glass
Near the sea of La Manche
To love

And what about me?
My story seems to be
Desires with no reaching
Anything

Bruxelles, 20 Novembre 2012

sabato 17 novembre 2012

Leolàm *














L’ombre azzurre della prima alba
vapori dal ventre delle colline:
nella testa pensieri sbriciolati
tra le mani il martirio dei giorni.

Io vorrei essere soltanto terra
umile madre d’ogni meraviglia
e osservare il cielo cambiare
nella forma e nella lucentezza.

E invece raccolgo i minuti
della inutile incarnazione
sacrificio sull’odioso altare
del quotidiano affanno umano.

* In ebraico “Per sempre, per la durata del mondo”.

mercoledì 14 novembre 2012

Elias’ screams














My lazy mind is bleeding in the well
And drop by drop I forget of myself
Devil out of my door
Telling things I ignore

And in the night I hear Elias’ screams
May be into my room or in my dreams
Speaking of the drought *
And the floods so long

No new opinions
Into my mind
I sell the fire
Into my eyes

No more the truths
And nor the lies
Make me allowed
To keep on the fight

And I feel hungry of life and of time
Even if I waste them when I’m tired
And I see no angel
Touching me to wake me**

But I am not a prophet nor a man
Who can be proud to be his own self
So why am I waiting
For a god to help me?

No new opinions
Into my mind
I sell the fire
Into my eyes

No more the truths
And nor the lies
Make me allowed
To keep on the fight

* Primo libro dei Re: 18,1
** Primo libro dei Re 19,5

venerdì 9 novembre 2012

Teshubhah *












Raccolgo foglie e noci
sotto la penombra obliqua
del cielo omicida
dell’estate.

Mentre il buio del passato
tenta ancora d’oscurare
la baia translucida
del futuro.

* In ebraico “Pentimento”

mercoledì 31 ottobre 2012

Roses are just widows

 
How many windows closed
Because of the cold
But everyone can know
Spirits pass through

And I remember all my Samhains
Lived inside my inner sanctuary

And this is the first time
I celebrate here
Among these ancient walls
That I should feel near

I use the time just like a powder
I catch it and put in the fire

Summer is now gone
Rain is the only song
The roses are just widows
Of the warm and light season

Samhain is an hope
To turn into a new road
To find the real sense
To smell out a new scent.. in my life

The silence is a glass
With inside my blood
And I can break it out
With the voice of heart

That is a constant not far whisper
That in this night becomes a whistle

Summer is now gone
Rain is the only song
The roses are just widows
Of the warm and light season

Samhain is an hope
To turn into a new road
To find the real sense
To smell out a new scent.. in my life


Buon Samhain a tutti. Buon nuovo inizio.

lunedì 29 ottobre 2012

The Cranberries, 28 Ottobre 2012, Palafabris, Padova




 
 
 
 
 
 
 
 
 
Solo due parole sul bel concerto di ieri sera a Padova, quello dei grandi Cranberries. Dopo tanti anni rivedere coloro che sono stati la colonna sonora della mia adolescenza e della mia giovinezza, è stata un’emozione grande… anche se mi sono accorto che sono passati vent’anni e sono vecchio! I nostri sono sempre gli stessi, stessa formazione, si sono sciolti e poi sono tornati insieme. Sui loro volti si vedono gli anni che sono passati… tranne ovviamente che su quello di Dolores O’Riordan che è sempre la stessa. È entrata con un bellissimo corpetto rosso con mantello nero cantando “Analyse”. Poi la bellissima “Animal Instinct” e una inaspettata, “How” (un pezzo del 1992 che adoravo!): nonostante inizialmente l’acustica fosse terribile, si è subito capito che i ragazzi (si fa per dire) sono in gran forma: voce eccezionale e grandi musicisti (poi per fortuna l’acustica è migliorata). Un allegra “Just my imagination” che mi ricorda un’estate favolosa di spensieratezza di tantissimi anni fa. Una nostalgia pazzesca con “When you’re gone” mentre l’enorme telo di velluto dietro la band risplendeva di rosso. Poi ancora pezzi dal primo album dei primi anni 90: “Wanted”, “Waltzing back”, “Sunday”… mi sono rivisto davvero ragazzino… quella disperazione pura della pre-adolescenza che non avrei mai pensato di rimpiangere. Un accenno solo alla carriera solista con “Ordinary day”. Qualcosa anche dal nuovissimo album di ritorno sulle scene che ancora non ho digerito: “Tomorrow” e “Show me”. Dopo la bellissima “Be with you” cantata a squarciagola, primo cambio di abito di Dolores, tornata in tutù nero! Poi uno dei miei pezzi preferiti in assoluto: “Empty”.. quanta ispirazione mi hanno dato quelle parole negli ultimi 18 anni di vita. Seguita dalla tristissima “21” e “Linger”. Da un estremo all’altro: delirio di salti e urla con “Salvation”, “Ridicolous thoughts” e “Zombie” (con tanto di bandiera irlandese lanciata sul palco!). Poi ultimo cambio di abito: abito lungo e bianco (l’opposto del precedente). E poi Dolores mi ha fatto il regalo della serata: “No need to argue” da sola con chitarra e voce (potrei scrivere una parte della mia vita con il solo testo di questo pezzo: alla fine sono un ragazzo semplice). Ultima botta di vita con “Promises “ e il suo rock robusto.. poi saluti e baci con la solita canzone di chiusura “Dreams”. Dolores sei ancora grande: per te il tempo non si è fermato e la tua musica è ancora in splendida forma. Io invece ascoltandoti ho sentito tutti gli anni che ho, uno per uno.

venerdì 26 ottobre 2012

In this labyrinth













Analysing me
I can see I could be better
Than what I believe
Anyone sometimes seems better
Than what I’m

Hidden in this breeze
Too much warm for being October
There are words of peace
But also the fearful whispers
Of this time... the last?

The year is going
And we don’t know yet
Why we are finished
In this labyrinth

Every day running
Devours the fire
That we have inside
It’s our eternity

For hours we speak
Without finding real solution
We are blocked it seems
In this state and our future
Seems dim

So what do we miss?
May be courage or religion
We say every year
It will be the last in prison
But we’re here... still

The year is going
And we don’t know yet
Why we are finished
In this labyrinth

Every day running
Devours the fire
That we have inside
It’s our eternity

Il dipinto è "Autumn Labyrinth" di Jacek Yerka

mercoledì 24 ottobre 2012

Ricompensa












Pioppi sottili
dai corpi bianchi
malati di cielo
d’incanto intrecciati
con le proprie ombre.

Pomeriggio d’ottobre
senza traguardi
nasconde un sorriso
di dolce certezza:
chi osserva può scorgere
ovunque poesia.

(Dio ricompensa chi non s’arrende).

mercoledì 17 ottobre 2012

Freddo neonato

 
Il freddo neonato
infrange l’involucro
pellicola di sole
sulla pelle.

Di nuovo nudo
sento i ricordi
pungermi gli occhi:
emorragia.

(le serpi arrotolate
alle mie caviglie stanche
mi conducono altrove
verso baie inesplorate
di fronte a un’alba
sempre più tardiva)

sabato 13 ottobre 2012

Al di là delle nuvole



 











Sull’asfalto bagnato di cielo
la vita scivola di futilità
come la luce dei lampioni
sulla neve industriale.

Ma al di là delle nuvole
i fossi ancora profumano
di menta selvatica
e dell’odore arcigno
della pianta del mais
ormai spoglia
del suo frutto.

mercoledì 3 ottobre 2012

Il tempo del rock è finito




 










Il tempo del rock è finito
la musica striscia tra le crepe
afflitte del camposanto
sulle strade stravolte
dell’Emilia attonita
non ci sono più fulmini buoni *.

Rimangono le briciole
sotto i raggi sporadici
della luna disattenta
a ricordarmi del vissuto
e di tutto ciò che la paura
mi ha impedito di vivere.

* Pier Vittorio Tondelli, Altri Libertini, Feltrinelli, 1980
** Nella foto, Piazza Fontanesi, Reggio Emilia (foto dal blog: http://reggioemiliadailyphoto.blogspot.it/)

domenica 30 settembre 2012

Last crescent of me












It’s not the proper place
It’s not the time
To lead myself astray
Far from the life
I have to find the power
It’s hidden in these showers

And I see around me
The other people
They’re all alternatives
To pass the life through
So many different features
In which to find the reason
To live

And everyone seems better than myself
May be a lie but it is what I felt
Since when I am become a man

I’m wining and I’m waxing as the moon
That is also going to be full *
But now I am the last crescent
Of me

And many people seem
To have the answer
To put the doubts and fears
Into the fire
Am I the only one
Who has no more ideas
To resist?

And everyone seems better than myself
May be a lie but it is what I felt
Since when I am become a man

I’m wining and I’m waxing as the moon
That is also going to be full
But now I am the last crescent
Of me

Pietrasanta (LU) – 29 settembre 2012
* La luna piena di stanotte nella tradizione druidica è detta “La luna della collina dei bardi”.

venerdì 28 settembre 2012

While Cardiff sleeps

 
The Welsh rain
Is knocking at the window
While the wind
Whispers to my pillow
And I have my hands so empty
As I am still only twenty

I’ve got flames
But they sink in the water
And my face
So pale on the glasses
While I see some roses sons of autumn
And my prayer is to change sad emotions

In this land of heroes and of dragon
I am now I admit
I am so far from wisdom
That I would
I can give my life for truth

Everyday seems clearer than the day
Before
That I was born for another way
To go
But I’ve not still understood

While Cardiff sleeps
I’m behind the curtains
I can’t be
This way still for a long time
I’m singing with low voice so desperately
But whining never made a man so happy

And I think
Of my first time in Wales
I was me
But also different
Over me was the sky with all the clouds
While now I’ve got a ceiling of dark doubts

In this land of heroes and of dragon
I am now
I admit I am so far from wisdom
That I would
I can give my life for truth

Everyday seems clearer than the day
Before
That I was born for another way
To go
But I’ve not still understood

26th September 2012 – Cardiff (UK)
Nella foto "Queen's Street" a Cardiff

giovedì 20 settembre 2012

Muileann-uisge *












Il vento scende dalla luna in falce
l’estate è solo un gomitolo
pronto per tessere l’autunno
in questa notte di acque nuove
e confessioni bianche di cielo.

* “Mulino ad acqua” in gaelico

martedì 18 settembre 2012

Heather seems to circle now my nest

 

Thought by thought
I will analyze
Things are wrong
And the things are right
And I will build a new tomorrow
While the fields are going into autumn

Friday made
Me precipitate
I’m ashamed
Of being as I am
Present seems the past’s abortion
How to escape I have no notion

Balance is the key word for my future
I am not a failure even if I’ve no success
What a pleasant evening give all the gods
Heather seems to circle now my nest
I rest

Looking at me
I see I can be
As much big
As much petty
So it’s a choice the way I’ll follow
Between the joy and the sorrow

Balance is the key word for my future
I am not a failure even if I’ve no success
What a pleasant evening give all the gods
Heather seems to circle now my nest
I rest

lunedì 17 settembre 2012

Can't seem to find my way out

Ho atteso ore e giorni interminabili, nella speranza di un verso, di una melodia, con cui sfogare questo dolore sordo e inconfessabile. Ma non è arrivato nulla. E il disagio non è diminuito. Ho sempre pensato che i dolori troppo profondi fossero muti. E allora eccomi qui, nudo, a cercare le parole senza metafore e senza note. Parole nere su fondo bianco, senza orpelli. Per ammettere ciò che vorrei sublimare ma che è troppo basso per salire al di sopra del mio ventre. Ci sono a volte fantasmi del passato che si pensava sconfitti e invece hanno solo atteso per anni il loro momento di tornare. E tornano con una forza maggiore data dalla rinnovata consapevolezza. Mi ricordo di te con una lucidità spaventosa, nonostante siano passati più di dieci anni. Ricordo che tutti pensavano avresti fatto cose grandi nella tua vita. Così come dicevano di me. Eravamo sempre io e te a contenderci le lodi e tra noi c’era una sorta di rivalità cordiale che non è mai sfociata né nell’amicizia né nell’astio. Non avrei pensato che in quegli anni si decidesse così tanto del mio futuro. Qualche scelta sbagliata può rovinare tutto. Ora ti ritrovo e la distanza fra noi è divenuta incolmabile. Ti vedo dire “Stop whining, stand up and start again!”. E penso quanto ciò sia vero ma anche immensamente indigesto. Spesso in questi anni ho pensato di fare scelte giuste per il mio futuro. Ma ancora più spesso non sono stato io a scegliere, ma la paura lo ha fatto per me. Paura di cosa? Di mettermi in gioco, di mostrare quanto poco possa valere, di ostentare la mia mediocrità, di abbandonare le persone e i luoghi che mi hanno cresciuto. Ho scelto di non scegliere. Ho lasciato che le cose accadessero. E solo ora mi rendo conto di quante possibilità ho perso. Avevamo in mano la stessa immensa forza, le stesse opportunità. Ma tu ora sei un astro splendente nel cielo sopra San Francisco mentre io sono solamente un puntino nero e insignificante nella moltitudine dei mediocri. Vorrei smettere di piagnucolare e provare di nuovo. Ma ormai mi sembra inutile combattere. Ci sono situazioni che non possono essere recuperate. Per cosa ho sacrificato tutte le mie potenzialità? Mentre corro disperato davanti al tramonto osservo le colline incorniciare la città e annuso l’odore della prima vendemmia. È per questo che ho rinunciato a partire per un futuro nuovo? Per l’ansia di rimanere qui? Oh quale immenso fallimento! Sento le sinapsi azzardare collegamenti spaventosi. Penso alle persone che ho incontrato in questi anni e che mi hanno aiutato a credere di essere più di quello che in realtà non sia, che mi hanno insegnato ad accontentarmi di questo misero vento fra le mani. Penso alla poesia e alla musica che mi hanno distratto e anestetizzato dall’antica ambizione di dimostrare il mio valore, insegnandomi la religione della rinuncia. Penso alla debolezza della mia mente che negli anni ha perso la capacità e l’attitudine alla sfida e al confronto, accontentandosi di un angolo di finta superbia. Penso al mio corpo reso inutile dallo sconforto progressivo. Ora non mi resta che constatare quello che sono diventato e mettere in fila tutti gli errori che lo hanno permesso. Vorrei trovare la forza di reagire. Vorrei evitare di ritirarmi nella penombra della vergogna per non mostrare la mia mediocrità. Non riesco a vedere una via di uscita. “I can't seem to find my way out of this hunting ground .. from here crystal meth in metres of millions in the end all we have soul blueprint”. Solo morte e rinascita.

Le parti in inglese alla fine del brano sono tratte da “I can’t see New York” by Tori Amos

lunedì 10 settembre 2012

Oltre l'Atlantico












Dopo la pioggia gl’odori cambiano
e le tue parole ancor paiono
potere scalfire l’acciaio nero
delle palpebre fossili degli anni.

I ricordi si schiudono tardivi
come rose di fine autunno
o i sabati bui di inverno
illuminati da attese sante.

Sui miei palmi spalancati d’orgoglio
vedo i fallimenti della vita
risorgere come ortiche vili
dal bianco cadavere del presente.

Ogni scelta è il seme fertile
d’intricato roveto di rimpianti:
nel timore di rischiare il nulla
ho perso la via dell’opportunità.

E nella mia accogliente palude
son lontano dal mondo elettrico
delle idee che creano i sogni
oltre le montagne e l’Atlantico.

domenica 2 settembre 2012

Cold wind of the beginning of September

 

Cold wind
Of the beginning of September
Melt the
Troubles I am going to have from now
Change the
Every day life that overwhelms me from this month

So suddenly has come the autumn
I miss you England miss so badly
The highest cliffs the so wise ocean
I miss you England miss so badly

And thinking of you I am hoping
To be so strong to face the storms
Inside the sky and in my life
That are now going to arrive

It seems
In the difficulty we give the best
So if
September is so difficult I again bet
That we
Can be better and better than ever before

So suddenly has come the autumn
I miss you England miss so badly
The highest cliffs the so wise ocean
I miss you England miss so badly

And thinking of you I am hoping
To be so strong to face the storms
Inside the sky and in my life
That are now going to arrive

Cold wind
Of the beginning of September

venerdì 31 agosto 2012

Olam *

 

Sui sentieri di rocce
e di radici antiche
il mio sangue diviene terra
il mio respiro vento
che segue l’evolversi
delle stagioni del bosco.

Dio gioca a nascondersi
tra le fronde luminose
e i bui labirinti
della mia mente
nel timore inconfessato
della non eternità.

Sull’abisso del cielo
forgio il mio pensiero
nel legno di faggio
nel sogno di fuggire
alla vanità oscena
del presente assente.

La sapienza corre
veloce come salmone **
nel ruscello sacro:
i frutti del tempo
indicheranno forse
i sentieri della verità.

* “Eternità” in ebraico antico
** Stanotte 31 agosto 2012 sarà il plenilunio detto “Luna del salmone”: nella tradizione celtica il salmone è sinonimo di sapienza.
Nella foto: faggeta sopra al monastero francescano de La Verna.

domenica 19 agosto 2012

32 suns


Nature I am
Your servant as in the past
Nothing I can do
Without asking suggestion, to you

Drought is painting
New colours in the wood
No more the green
But tones of brown and yellow, on you

I am the same sailor
Without voice I sing on
A new ode to you

And so I create shadows just to see the light
And so I cry for hours just to love a smile
I’ve hands so full of colours but I use just black and white
My future has to be free from the blames and the lies

And now I hear a whistle in the wood so kind
And once again I think may be the gentle tribe
I wait for meet the gods since I was a little child
To know about the secrets that create the world divine

They say I am
No more a boy but a man
32 suns
Are passed over my head, today

They say it is
No more the time to believe
Into the myths
Oracles and spirits, I see

I’ve the little pleasure
To take all my values
Inside to you

And so I create shadows just to see the light
And so I cry for hours just to love a smile
I’ve hands so full of colours but I use just black and white
My future has to be free from the blames and the lies

And now I hear a whistle in the wood so kind
And once again I think may be the gentle tribe
I wait for meet the gods since I was a little child
To know about the secrets that create the world divine

venerdì 17 agosto 2012

Sunday of ordinary time *


When I will ride a star
My tears will fall down
As frozen they will become crumbles on the soil

Then I will rent a boat
To sail on the cosmos
And to discover the Myths are true into this sphere

I read it’s Sunday of ordinary time
So maybe the prayers have not to contain rhymes
Speaking with the others
I see I am foolish
To believe I can fly

Let me know if I will reach a little gain
In the labyrinth playing this sad game
The draught is everywhere
While it goes on to rain
Only on my plans

When I will find myself
In a new consciousness
I will be grateful to the goddess of the truth

But there is not a truth
Which remains always true
Every word is a metaphor of something higher too

I can at least learn the secret of the time
Always different and then of the same kind
We live in a circle
We call history
To avoid the fear

Situations are the same year by year
We live new spring times then the frost kill us
We are living questions
Waiting for answers
From the midnight skies


* “Domenica di tempo ordinario”: il Tempo ordinario è quel periodo dell'anno liturgico della Chiesa cattolica e di altre chiese cristiane che copre la parte dell'anno nella quale non ci sono tempi forti: nella forma ordinaria del rito romano va dal lunedì dopo la domenica del Battesimo del Signore all'inizio del tempo di Quaresima (che inizia con il mercoledì delle ceneri), e riprende dopo la solennità di Pentecoste per arrivare alle soglie del tempo di Avvento.

venerdì 3 agosto 2012

Sleagh *


Raduno il pane **
sull’altare del sacrificio
accanto al dio sole***
in attesa.

Sono un bambino
sotto questa luna
lancia gigante dal cielo ****
di giada.

Indosso le vesti
di un padre nuovo
risorto dai campi arsi
dell’estate.

Sulla cima della collina
il fuoco arde il dolore
e per sempre lo disperde
nella notte.

* “Lancia” in gaelico scozzese.
** Lughnasadh è una delle feste più importanti dell’anno celtico ed è prima di tutto la festa del primo raccolto del grano e quindi del primo pane: la festa si celebra fra la fine di Luglio e l’inizio di Agosto.
*** Secondo la tradizione celtica il dio del sole Lugh viene sacrificato per permettere il raccolto e in suo nome e ricordo si mangia il pane, simbolo del suo corpo sacrificato. Poi il Dio resusciterà ogni anno per essere di nuovo sacrificato. Una ritualità che si può trovare in molte tradizioni successive, come il Cristianesimo.
**** La Luna che è stata piena ieri, 2 agosto, è detta “luna della lancia” nella tradizione druidica.

lunedì 30 luglio 2012

Damien Rice, 27 Luglio 2012, Motovelodromo, Ferrara



È straordinario rivedere uno dei miei artisti preferiti in assoluto dopo 5 anni e trovare che ancora sa suscitare fortissime emozioni nonostante – emotivamente parlando – siano in realtà passati 5 secoli nella mia vita da quel lontano luglio 2007. Damien Rice, il grande cantautore irlandese che ha stupito il mondo con la sua poesia, provando quanta ispirazione ci sia ancora nel mondo di oggi, era a Ferrara lo scorso venerdì. Avrebbe dovuto esibirsi, come la scorsa volta, nel cortile del palazzo estense, ma ancora una volta il terremoto che ha devastato l’Emilia ha costretto a spostare lo spettacolo al Motovelodromo che manca della poesia dell’altra cornice. Ma ci ha pensato Damien ad aggiungere la poesia che mancava, con un’esibizione eccezionale. Da solo sul palco per più di due ore – con due soli brevi interventi di percussionisti – Damien ha dimostrato, a mio parere, di avere mantenuto la sua straordinaria capacità di rendere quotidiana e accessibile la poesia attraverso le canzoni, e di avere allo stesso tempo migliorato le sue doti di musicista come cantante, chitarrista e pianista. Ha iniziato salutando in italiano (ricordando che ha vissuto in Toscana facendo il mezzadro, prima di riprovarci con la musica nella natia Dublino!) e raccontando un aneddoto: cosa farebbe un giovane ragazzo se ogni giorno avesse un milione di euro da spendere? Ebbene, ciò non è vero ma egli ha pur sempre ogni giorno un milione di spermatozoi … così è partito con “The professor and la fille danse” il bellissimo pezzo metà in inglese e metà in francese (come amo il multilinguismo!). Poi la dolcissima “Delicate” che il pubblico ha adorato. Poi un po’ di carica con la splendida ballata “Coconut skins” con cui già qualcuno si è alzato in piedi e ha iniziato a battere le mani a tempo. Poi è stata la volta di “Fool” uno dei molti pezzi che lui esegue dal vivo ogni tanto ma che non sono mai stati pubblicati: io penso che un vero artista debba avere un serbatoio di canzoni che non si riducono alle fredde liste del retro di copertina dei cd: “Fool” mi ha sopreso, non mi aspettavo un pezzo nuovo. Poi Damien ha lasciato la sua amata chitarra classica e si è messo al piano per fare la splendida “9 crimes”, seguita da uno dei miei pezzi preferiti “I remember”: si tratta di un pezzo incredibilmente nostalgico ma lui lo ha introdotto in modo spiritoso dicendo che è uno dei pezzi di cui si dimentica spesso il testo nonostante di intitoli così! (il testo lo sapeva poi benissimo…). Subito dopo “Elephant” si è rivolto direttamente al pubblico chiedendoci che cosa volevamo sentire: in vari hanno risposto “Insane” un pezzo bellissimo e vecchissimo, scritto prima dell’inizio della sua avventura solista: e lui l’ha fatta! Non l’avevo mai sentito e ha un testo favoloso. Si è poi rimesso al piano e ha fatto “Accidental babies” che mi ha commosso: è stato per me il momento emotivamente più intenso del concerto. Ma Damien non aveva smesso di stupire: ha chiamato il pubblico vicino (tutti di corsa sotto il palco) e ha suonato “Cannonball” senza microfono e senza elettricità: this is the real unplugged! Con “Volcano” ha coinvolto il pubblico facendolo cantare a pezzi la canzone in base alla zona in cui ci si trovava (e ci ha detto che siamo stati bravissimi). Per suonare “Cold water” ha chiesto di spegnere tutte le luci del palco: siamo rimasti al buio sotto la luna ad ascoltarlo. Poi finalmente ha fatto “The blower’s daughter” che hanno cantato in tanti con lui. E infine ha preparato una grande sorpresa: ha inscenato una sorta di sketch teatrale; ha invitato una ragazza sul palco (pare una sua amica) poi l’ha fatta accomodare insieme a lui accanto a un tavolino su cui erano posati una bottiglia di vino italiano e due bicchieri: ecco che i due si sono scolati la bottiglia mentre lui raccontava di questo incontro in un pub di Dublino tra un ragazzo e una ragazza, un incontro bellissimo che però non finisce bene in quanto poi lei dice di essere già impegnata. Finito il racconto ha cantato “Cheers darlin’” facendo finta (?) di essere ubriaco… e scambiandosi la sigaretta con la ragazza rimasta al tavolino.. splendida esibizione con cui ha salutato e concluso. Nessun nuovo album per Damien Rice ma un’eccezionale riproposizione dei pezzi che lo hanno reso così amato in tutto il mondo, dagli album “O” e “9”. Ma soprattutto Damien a Ferrara aveva tanta voglia di raccontare, di raccontarsi e di interagire con il pubblico. Otre la grande stima verso l’artista e verso l’uomo che ha saputo affrontare il successo in un modo originale senza farsi troppo coinvolgere, Damien per me rappresenta tutto ciò che vorrei essere e che mai sarò. Nessuna invidia, solo grande ammirazione e un po’ di amarezza nei confronti della mia mediocrità artistica.

domenica 29 luglio 2012

Don't deserve that pain


Cannot say if summer has defeat you or your pain
‘cause for you was a long way into the decadence

And there are too many prayers spoken
By the bed of your hopes all broken

Let me know somehow if you have won some peace
Christian poets say that if you suffer you gain Glory

I don’t know if I believe in something
Misery is water on the fire

Nothing else to say
Don’t deserve that pain
Oh no my granny
Hope now you’re in peace

When I saw your face
Coming cold and pale
I said to myself
I hope now you’re in peace

Your last month a nightmare was for you and for all of us
The earthquake has destroyed the church you loved so much

In your age you have seen so many changes
More than what I could also imagine

Now some days have passed by from the day of your burial
In that day near your corps I’ve heard this melody

And now is my way to say goodbye
Hoping that you are already flying

Nothing else to say
Don’t deserve that pain
Oh no my granny
Hope now you’re in peace

When I saw your face
Coming cold and pale
I said to myself
I hope now you’re in peace

mercoledì 25 luglio 2012

Hesperides


What about this summer
Turning into autumn
Following the emotion
I’ve inside

It seems going to rain
But suddenly a ray
Of sun with a prayer
Falls down

And in the garden of the west
Among the Hesperides* try to rest

Because I need so desperately
A pause from all the pain

The Seven Pillars** in my head
To find the peace I’ve to understand

That also the death is a door
We’ve to open on the way

Sometimes I ask
If there is a difference
Between our existence
And the fate

In the life there is
Already the seed
That brings us to the
Same end

And in the garden of the west
Among the Hesperides try to rest

Because I need so desperately
A pause from all the pain

The Seven Pillars in my head
To find the peace I’ve to understand

That also the death is a door
We’ve to open on the way


* Le Esperidi, nella mitologia greca, sono ninfe che vivono in un meraviglioso giardino all’estremo ovest del mondo, dove custodiscono un albero di mele prodigioso di cui non possono toccare i frutti (tema mitologico presente in tutte le mitologie, quella ebraica in primis). Sono collegate al tramonto, in attesa del quale sono solite cantare e danzare dolcemente.
 ** Nella mistica ebraica la saggezza è identificata nei 7 pilastri (= sette giorni della creazione) che erano fisicamente rappresentati nella facciata del tempio di Gerusalemme. In “Proverbi” 9,1 si dice “La sapienza si è costruita la casa, ha intagliato le sue 7 colonne”. Nel nuovo testamento è spesso la Vergine ad essere associata alla sapienza ed è definita come “il tempio dai sette pilastri” (vedi “Sermone sull’Annunciazione” di Pietro Crisologo). Allo stesso modo nella mistica druidica – irlandese, la saggezza è costituita dal bosco (= tempio) sacro con i suoi sette alberi sacri: betulla, salice, agrifoglio, nocciolo, quercia, melo e ontano.

giovedì 19 luglio 2012

In the procession of the mighty stars

Una delle ultime volte in cui abbiamo parlato con tranquillità e chiarezza è stata quasi un anno e mezzo fa. Mi fa impressione anche solo scriverlo, ora. Mi fa pensare a quanto tempo hai passato nella semi-incoscienza del dolore. Mi ricordo che eravamo nel tuo salotto. Il bel salotto pieno di ricordi della tua casa all’ultimo piano, da cui si guarda la città dall’alto. Tu eri sulla tua solita poltrona e io accanto su una sedia. Quella volta mi hai detto una cosa che non ti avevo mai sentito dire. Mi hai parlato della casa in cui sei nata, una casa bassa di mattoni scuri e con le finestre verdi. Una casa che allora, novanta anni prima, era in mezzo ai campi. Ma ora è in mezzo alle case. Poi a fatica ti sei alzata dalla poltrona e ti sei aggrappata alla finestra lì accanto. E mi hai chiesto di avvicinarmi. Al di là della strada, in mezzo a una foresta di palazzoni, ho intravisto una casa, molto più bassa e vecchia delle altre costruzioni: la tua casa natale. È stato un momento intenso per me. Ho capito quanto questa fosse davvero la tua città. Quanto tu le appartenessi. Nella tua lunga vita ti sei spostata solo di qualche centinaio di metri. Eppure hai visto il mondo intorno a te cambiare completamente. Una volta c’erano solo il castello e le case del centro. Poi qualche casolare in campagna. Ora ci sono nuove vie, nuovi palazzi e ragazzi che schiamazzano sui motorini d’estate. Chissà come hai fatto a rimanere te stessa di fronte alla rivoluzione mondiale che ha cambiato il volto alle città e alle persone. Oggi sono contento di avere questo ricordo nella mia testa. Mi aiuta a stare più sereno mentre ti vedo sdraiata su questo ennesimo letto ormai priva di qualsiasi contatto conscio con ciò che ti sta intorno. È così tanto tempo che ti sei arresa a questo male. Mi sembra passata un’eternità dalla prima volta in cui ho incrociato i tuoi occhi supplicanti chieder aiuto, per riuscire a passare oltre. Da quando la tua voce si è affievolita fino al punto di riuscire solamente a seguirmi con le labbra mentre io recito le preghiere al tuo fianco. Hai bisogno di firmare l’armistizio e di trovare finalmente la pace. Ti sono accanto e ascolto i tuoi ultimi respiri. Dopo una lunga apnea fai un altro respiro, forse l’ultimo? Sento che ti stai allontanando da noi e questo mi provoca un dolore immenso. Qualcosa dentro di me si sta rompendo per sempre. Riesco solo a piangere in silenzio quanto capisco che è finita. Calde lacrime che diventano tiepide solo sul petto. Hai perso la guerra contro la malattia. Ma hai vinto la pace. Sono le 16.16 di questo 18 luglio 2012. Fuori il sole dell’estate invade la città e penetra nelle chiese dalle cupole distrutte dal terremoto. Dentro questa stanza ci siamo io, mia sorella e mia zia. Tu non ci sei più. Sento mia sorella piangere mentre mi abbraccia e mi dici che ora, davvero, non abbiamo più nonni. È una nuova prospettiva. Un salto di generazione. Da nipoti a figli. Siamo anche noi più vicini alla fine. Io so che da qualche parte ci sei ancora. Mi ricorderò di te quando seguirò la processione delle stelle in cielo. E ogni volta che affonderò le mie radici per capire da dove vengo. Addio nonna. “You will not ever be forgotten by me in the procession of the mighty stars. Your name is sung and tattooed now on my heart: here I will carry, carry, carry you…forever”.

Le parti in inglese sono tratte da “Carry” di Tori Amos
Nell’immagine "Meteoric Display of February 9, 1913, as seen near High Park - Toronto” dipinto di Gustave Hahn.

lunedì 16 luglio 2012

Megfáradt ember











Nessuna maledizione
placherà la preghiera
della mia mente assetata:
le frasi spezzate dall’assenza
continueranno a terminare
in punti di domanda
e le risposte saranno
soltanto ipotesi.

                                                                     La grandine del tempo
distruggerà impietosa
il mio involucro
imperfetto e decadente
colmo di sconforto e dolore
e potrò finalmente
abbandonarlo nella polvere
per risorgere come
pensiero nuovo
purificato dal disprezzo
e dai rimpianti:
solo acqua fluida.

                                                                        Nel respiro dell’estate
la giovinezza evapora
nell’inutilità.

* “Megfáradt ember” significa “uomo stanco” in lingua ungherese
Nell’immagine la statua "Uomo stanco" di József Somogyi – Makó, Ungheria

lunedì 2 luglio 2012

Grian *


L’occhio fulgido del sole
tra le palpebre rosse
delle nuvole avorio:
la benedizione più grande
può frantumare il cielo
e far vibrare di luce
l’antro violato del tempio.

Sento il tuo grido al di là
della montagna benedetta
monito di tempi migliori
e di notti di braci accese.

La vigilia del plenilunio
del Dio ardente **:
il tempo prescelto
per la nuova era.

(I cipressi sfiorano
il ventre della luna
il mio sguardo bambino si placa
nel sonno di un uomo).

* “Grian” vuol dire “sole” in gaelico irlandese.
** Nella tradizione druidica, la luna piena tra il 10 giugno e il 7 luglio, è detta “Luna del Dio ardente”, a riferimento del fatto che siamo nel momento del massimo splendore del sole. La luna piena sarà domani, 3 luglio 2012.

martedì 26 giugno 2012

I want to be where the sun warms the sky











 
Hai visto che la pianura da qui sembra un gigantesco mare. I suoi riflessi azzurri e grigi la rendono così uniforme da quassù. Da queste colline bordate d’oro da cui possiamo osservare tutto dall’alto. Qui il sole è così vicino che ne sento il suono nelle mie orecchie e lo sento pungermi gli occhi. “The sun would set so high, ring through my ears and sting my eyes”. Sembrano così lontani i giorni del tremore. Così lontana la scura landa all’orizzonte in cui la terra ha sussultato senza scampo. E noi possiamo sognare la perfezione. I nostri corpi bagnati dal sudore sono diamanti splendenti sotto la luce al suo apice. Vorrei che il tempo non corresse più, che i giorni durassero per sempre. “I prayed that the days would last, they went so fast”. Eppure sappiamo che nella massima luce sta l’inizio del buio*. Ma ora desidero essere solo dove il sole rende il cielo incandescente. “ I want to be where the sun warms the sky”. E voglio credere che questo vento caldo venga davvero dal mare che avvampa sotto le colline “Warm wind carried on the sea, he called to me”. E alleno i miei muscoli ad essere vivi di nuovo, mentre esercito la mia emotività con la prosa. L’indegna figliastra della poesia che non può produrre alcuna verità **. Ma che rende così liberi di viaggiare nella musica.

La parti in inglese sono tratte da “La Isla Bonita” by Madonna
* Il solstizio d’estate è il punto in cui le ore di luce raggiungono il massimo rispetto a quelle di buio. Tuttavia è anche il momento in cui le ore di buio ricominciano a crescere, fino ad un nuovo pareggio in settembre.
** In prosa si pensa a un solo livello alla volta e ciò inibisce i collegamenti nuovi che producono effettivamente sapere; ciò avviene solo nella poesia.

lunedì 25 giugno 2012

Where Jesus sings


Another morning I will meet you
May be in India where Jesus sings *
Without speaking I will call you
‘cause your name means exactly “wind”.

Another point on the blackboard
Of my life I’m going to write
I’m in a moment of no sense
And you are showing what I’m missing

And I see how many roses I have cut there in the sky
And I have left them drying without curing for a while

What will me save
From the big jaws
Of the time and
The barking cold
While the youth can’t help me no more
And God have not my hands again hold

And everyone
Has got something
In which believe
To make him free
But I have lost it by the way
Is there a God who can explain?

When I recall my strength and poetry
Many times I have no answer no
They say “The ones are satisfied
Of the life they’re drenched in the mist

And they’re used to lose their time in the unless chattering” **
I would like to be just different but it’s a difficult being

What will me save
From the big jaws
Of the time and
The barking cold
While the youth can’t help me no more
And God have not my hands again hold

And everyone
Has got something
In which believe
To make him free
But I have lost it by the way
Is there a God who can explain?

* Secondo una tradizione consolidata, di presunta origine tibetana, Gesù fu in India e in Tibet tra i 13 e i 30 anni, durante i quali i vangeli non ne parlano: in quei luoghi la sua tradizione spirituale ebraico-essena, si arricchì in prospettiva del ritorno in Palestina. Lo stesso Dalailama recentemente ha parlato di Gesù come di un’incarnazione del Buddha.
** Dall’ “Ṛgveda” X,82,7 : “Coloro che sono soddisfatti della vita vivono avvolti da foschia e dediti a vane chiacchiere”.

sabato 23 giugno 2012

Scampolo d'ovest


L’estate si affaccia
nello scampolo d’ovest
dietro la siepe gialla

L’osservo dischiudersi
bambina incurante
del tremare del mondo

Sotto un cielo corto
di respiri minuti
e parole sospese

Abbraccio il calore:
una preghiera nuova
fra mani in attesa.

Alban Heruin – solstizio d’estate - 2012

lunedì 18 giugno 2012

Sparks from water


Is there something else but youth?
I ask to myself and you
Driving towards these dim hills to south

Summer is not far and you
Seems to accept the obvious truth
Everything has its own age for sure

But I come back to my
Need of darkness
Not to see in the mirror
I am changed after
All what is happened in these years
Among the smiles and the fears
Is life a duty?

We are hybrids of what
We were in the past
And of what we’re going
To become in the future
And in this earth in the middle
We are both snakes and eagles
Sparks from water

They say when we lose our youth
It remains only the roof
Of the house we were in the past times

I can say without a proof
We can catch some kind of youth
Every time our smiles can become true

But I come back to my
Need of darkness
Not to see in the mirror
I am changed after
All what is happened in these years
Among the smiles and the fears
Is life a duty?

We are hybrids of what
We were in the past
And of what we’re going
To become in the future
And in this earth in the middle
We are both snakes and eagles
Sparks from water

giovedì 14 giugno 2012

The ideas of God are muscles


I would like to change my life
Under this welcome sunshine
Being a new man
Tasting the wind
As I was flying

An alphabet in my mind
The trees can teach to me right *
The poetry has
My own purest breath
I sip something of divine

I’ve to discover how wind
Becomes fields
And our thoughts in a blow
Can be real

The ideas of God are muscles
That create the atmosphere

And we are more than we can
Understand
The everyday life makes us so
Blind

We have to escape from our
Incapacity to change

To be free again

My face can be made of sun
Not like all the other ones
It can transmutes
As the woods do
From winter to springtime

My body too often tired
The energy it can bite
My teeth become clouds
An ocean my mouth
To devour the life

I’ve to discover how wind
Becomes fields
And our thoughts in a blow
Can be real

The ideas of God are muscles
That create the atmosphere

And we are more than we can
Understand
The everyday life makes us so
Blind

We have to escape from our
Incapacity to change

To be free again

* L’antico alfabeto druidico (Ogham) è detto anche “alfabeto degli alberi” perché ad ogni albero sacro è associata una lettera.


Nella foto, una statua di Cerunno, antico Dio dei boschi nella mitologia celtica.

domenica 10 giugno 2012

Our roots to render firm


Can’t say why
But the tears fall
down the wood floor

As they’re trying
To heal the soil
And its trembling stones

The earthquakes left a sing over my heart
And a new line over my worried face
And a mood that I wouldn’t ever find

Someone sais
This is the end
We’ve only to pray

The earthquake
Is a message
The earth is sick of us

The empire of the men is going to fail?
The prophets said the truth in the past eves?
We have to wait for catastrophes and shame?

So it’s the time to know who we are
And our roots to render firm
We understand there’s nothing of sure
But the truth of our soul

And in my hands I’ve got my future
Among these uncertain paths
Every fall’s a new beginning
It’s not only a metaphor

What to find
Among the downfalls
Of our past faults

Our true home
Hasn’t got walls
Only living thoughts

So let’s awake the spirits inside us
As ancient as the monuments crumbled
The only way the rebuilding to act

So it’s the time to know who we are
And our roots to render firm
We understand there’s nothing of sure
But the truth of our soul

And in my hands I’ve got my future
Among these uncertain paths
Every fall’s a new beginning
It’s not only a metaphor

lunedì 21 maggio 2012

Idho *













Il carnevale dei papaveri
sul bordo della strada
l’orzo sbiadito in attesa
del trionfo di Bran **.

Le luci della prima alba
non scoloriscono la pioggia
la musica non può ancora
ipnotizzare il cielo.

Il fiume della genetica
sfocia nella bellezza
o nei fatiscenti rigagnoli
dello spreco assoluto.

Sulla terra devastata
dal sisma inaspettato
le siepi d’erica*** affogano
sotto il diluvio e i detriti.

I rametti del tasso ****
si stagliano nel cielo
- in eclissi disperata -
veggenti del nuovo corso.

* “Idho” = albero del tasso in gaelico.
** Bran è il tipico eroe solare della mitologia britannica: il suo trionfo segna il trionfo dell’estate e quindi il conseguente raccolto dei cereali.
*** Nella tradizione druidica l’erica bianca protegge dagli eccessi della passione ed era utilizzata per calmare gli animi dopo eventi particolarmente catastrofici.
**** Nella tradizione druidica era l’albero associato alla morte.


Nella foto: la torre dell’orologio a Finale Emilia (Modena) dopo il terremoto devastante del 20 maggio 2012.

mercoledì 16 maggio 2012

Wells and whitethorn


I am here waiting
For the new month
That they are naming
Of the whitethorn *

And I can see
The rain is still
Filling sky and time

We’re to wear only
The oldest clothes
And think always
To clean our soul **

And not destroy
A whitethorn bush
If we want some joy ***

I would speak of the procession of the 4th
Near the wells and the sacred old whitethorn
All of us had to tear pieces of our clothes
And put them near each sacred little thorn ****

In Glastonbury there was an old whitethorn
That in Christmas time could flower in the cold
And Puritans that cut the tree killed the hope
That the ancient gods could become the new gods *****

Can I live again in that sacred Land
Where everything was a sign

Sometimes the darkness
Is good for me
But then I like
To breath the light

Nobody knows
If the moon will
Substitute the sun

May be that over
The drowned world
The ancient myths
Can have return

And all of us
May again touch
The well and the whitethorn

I would speak of the procession of the 4th
Near the wells and the sacred old whitethorn
All of us had to tear pieces of our clothes
And put them near each sacred little thorn

In Glastonbury there was an old whitethorn
That in Christmas time could flower in the cold
And Puritans that cut the tree killed the hope
That the ancient gods could become the new gods

Can I live again in that sacred Land
Where everything was a sign

* Nel calendario druidico, il mese che va dal 13 maggio al 9 giugno è detto mese del biancospino (Uath in gaelico)
** Durante il mese del biancospino si era soliti non indossare vestiti nuovi, ma utilizzare solo vestiti vecchi (vedi il proverbio inglese “non gettare mai un vestito prima che maggio sia finito”). Inoltre il mese è dedicato alla purificazione spirituale e alla preghiera, attività che non devono essere vanificante in questo periodo da nessun segno di vanità esteriore (anche i rapporti sessuali erano sconsigliati in questo mese). L’anima deve essere linda in attesa dell’avvento della luce massima (21 giugno).
*** Nell’Irlanda antica la distruzione di un biancospino di età veneranda recava con sé i più funesti pericoli.
**** Nella contea di Wicklow (splendida contea a sud di Dublino), a Tin’ahely, si celebrava la solenne processione del 4 maggio (in realtà 15 maggio nel calendario giuliano; oggi nel calendario gregoriano corrisponde al giorno di Santa Monica), intorno al cosiddetto “biancospino di san Patrizio” (un grande biancospino isolato che cresceva accanto a un pozzo): i devoti giravano intorno al pozzo e si strappavano brandelli dalle vesti per appenderli poi alle spine della pianta (vedi immagine) in segno di propiziazione.
***** La leggenda narra che a Glanstonbury (sud ovest dell’Inghilterra) ci fosse una pianta di biancospino che fioriva proprio il giorno di Natale: la tradizione cristiana vuole che Giuseppe di Arimatea arrivò a Glastonbury - luogo di nascita della cristianità nelle isole britanniche e sede della prima chiesa, costruita per custodire il Graal più di 30 anni dopo la morte di Cristo – e piantò a terra il suo bastone, che fiorì miracolosamente nel Biancospino di Glastonbury ("Spina Santa"). Questa è la spiegazione mitica dell'esistenza di questo ibrido, che cresce soltanto alcune miglia attorno a Glastonbury e fiorisce anche di inverno. La leggenda dice anche che in precedenza Giuseppe d'Arimatea aveva visitato Glastonbury insieme a Gesù, quando questi era un fanciullo. Si dice che Glanstonbury sia uno dei luoghi più sacri del mondo in quanto è al centro di molte ley lines, cioè degli ipotetici allineamenti di alcuni luoghi di interesse geografico, come, ad esempio, monumenti e megaliti. L’originale biancospino di Glantonbury fu abbattuto nel ‘600 dai Puritani durante la rivoluzione.

lunedì 7 maggio 2012

Biasimo


Sono un istante nuovo
di penombra assolata
come il respiro curvo
tra il palmo e i chiodi
una manciata di vento
obliata dall’estate.

Ma sono un sacrificio
di spreco eucaristico
freddo biasimo dei bardi
soggiogato dal mulino *
nel perigeo della luna **
sotto lo sguardo del falco.***

* Nelle antiche tradizioni cosmologiche, il mulino era sinonimo del cielo e delle sue continue rotazioni.
** La luna la notte del 6 maggio ha raggiunto il perigeo, il punto di minore distanza dalla terra.
*** Nella tradizione druidica la luna piena di inizio maggio è detta “luna del falco”