giovedì 9 agosto 2007

Damien Rice - 18 Luglio - Ferrara



Mi sono reso conto oggi che non una parola ho speso sul blog per commentare quel meraviglioso concerto che il grande Damien Rice ha tenuto a Ferrara il 18 luglio… Qualche post fa ho utilizzato un suo pezzo (9 crimes) per riuscire ad esprimere meglio un momento della mia vita… e quindi mi sembra giusto per lo meno accennare al concerto..uno dei più belli quest’anno per me…
Damien si è presentato con un sacco di musicisti e questo, devo ammetterlo, mi ha inizialmente infastidito: Damien per me è sinonimo di essenzialità musicale… vederlo con una band/orchestra mi ha stupito… speravo di vedere sul palco solo lui e Lisa.. con magari una chitarra e un piano.. nothing else…invece erano in tanti! Ma non mi hanno deluso, affatto! Lui era in forma vocalmente e ha alternato l’acustico con il rock elettrico, a mio parere in modo magistrale. Ci sono stati momenti di puro orgasmo emozional-uditivo.. con “ I remember” ed “Eskimo” in primis.. sono pezzi che adoro.. ma in tanti altri casi. C’è da dire che ha fatto molti più pezzi dal primo album (delicate, volcano, the blower's daughter, cannonball, più i 2 suddetti) che dal secondo e ultimo album (“solo” 9 crimes, coconut skins e accidental babies, se non ho scordato qualcosa). Oltre a ciò, mi ha stupito con alcuni b-sides inaspettati come “the professor & la fille danse” (bella ma…Damien ti prego canta in inglese!!) e “woman like a man”. Tra le varie mi ha anche cantato un pezzo che non conoscevo… mah.. qualcuno presente mi sa dire che cos’era? Come ho detto mi è piaciuto molto anche il Damien rocker ma… non c’è paragone con il Damien da solo al piano che suona un “accidental babies” (il mio pezzo preferito del nuovo album) con sì tanta passione e coinvolgimento! Ti strappa il cuore. Damien, anche fisicamente, ricorda un bambino malinconico che è cresciuto, ma ancora non se ne è reso conto del tutto.. e gioca.. con la sua splendida voce e le sue parole che ti scavano l’anima. Ultima cosa: qualche “grazie” (o “thank you”) in più ci stava bene caro Damien, visto che il pubblico era davvero partecipe e gli applausi non sono mai mancati! Ma ti scuso: non potevi essere troppo presente, eri perso nella tua musica. Thank you Damien!

3 commenti:

Gas ha detto...

Un passaggio per un ciao e un sorriso. Li troverai quando torni :-) Gas

Gas ha detto...

Un sacco e una sporta di Auguri per domani :-) e buoni giorni a venire, ovunque sarai. A presto. Gas

Anonimo ha detto...

P.S. Se tutte le anime corrose sono come le tue...benvengano. Ciao Ragazzo :-) Sempre Gas