mercoledì 7 ottobre 2009

Tori Amos, 30 settembre 2009, Roma, Auditorium Parco della Musica

Il concerto di Tori a Roma è stato certamente per me l’evento musicale dell’anno. Forse uno dei più bei concerti della mia vita. L’Auditorium Parco della Musica è un luogo strano, fuori dal tempo: le tre sale dall’esterno sembrano tre astronavi atterrate in mezzo al parco. Dentro, la Sala Santa Cecilia appare anche più anomala con questi enormi pannelli di legno che rivestono le pareti e il soffitto. Purtroppo sono arrivato troppo tardi per incontrarla al meet & greet , come avevo fatto a Firenze nel 2007. Peccato! Non avevo un posto molto vicino al palco (solo fila 18 della platea ahimè) ma in compenso in quel punto l’acustica era molto buona, anche se non perfetta. Tori è arrivata alla 9,30 p.m. in punto: splendida e in un look decisamente più sobrio rispetto al tour precedente, quello delle Posse Dolls. Ho apprezzato questo ritorno alla sobrietà estetica. Aveva una sorta di vestaglia con una fantasia a scacchi, aperta sulle gambe, coperte da pantaloni stretti madreperlati. Tori è naturalmente sensuale: non ha senso che si sforzi di apparire o di esserlo di più. Veniamo alla musica! L’ho trovata davvero in gran forma, sia vocalmente, sia al piano: nonostante si parli molto del calo delle sue performance negli ultimi anni, devo dire che a Roma ha dimostrato di non essere affatto da meno rispetto al suo glorioso passato, e soprattutto di essere pienamente cosciente delle sue capacità. La serata è partita con “Give” e la sua atmosfera un po’ cupa che mi piace moltissimo: solo dopo il pezzo ha salutato. Poi “Pancake”: non è il mio pezzo preferito da Skarlet’s Walk ma mi ha sorpreso live con un finale incredibile. Poi due dei singoli più conosciuti “Cornflake Girl” e “Crucify” che hanno infiammato il pubblico e che secondo me sono state eseguite con trasporto impeccabile. Crucify l’ha fatta in una versione molto particolare, tanto che all’inizio non l’avevo riconosciuta! Poi “Beauty of Speed” e “Jamaica Inn”, devo dire davvero piacevoli. “Concertina” è un pezzo che mi piace ma live, a mio modesto parere, non ha reso molto. Invece ho adorato “Your Cloud” che può sembrare un po’ soporifera in versione live, ma per me è una vera preghiera alla vita e alla serenità: sentirla dal vivo mi ha un po’ rimesso a posto l’anima e mi sono davvero sentito grato. “Fire to Your Plain”, dal nuovo album, non mi fa impazzire: live è meglio ma rimane il fatto che non mi colpisce molto. Poi ecco un terzetto di pezzi eccezionali dal mitico album del Choirgirl Hotel: mi ha stupito ed emozionato moltissimo con “Hotel” (live è una bomba!), “Spark” e “Playboy Mommy”. Cosa chiedere di più di pezzi splendidi interpretati splendidamente? Dopo la band è uscita e Mrs Amos è rimasta sola con il suo Bosendorf per il Lizard Lounge. Ed è arrivato il momento più bello della serata: Tori mi ha stupito con una eccezionale “Gold Dust” voce e piano e mi ha fatto piangere. Sì, mi è successo raramente di piangere a un concerto. Ma questo pezzo significa moltissimo per me e lei lo ha suonato e cantato in modo impeccabile e con una carica emotiva straordinaria. Un momento magico. Splendida anche “Cool on Your Island” appena dopo, sempre con solamente lei al piano. Appena dopo è tornata la band. Altri bei momenti con “Pretty Good Year” (ma quanto è bella?) e “Siren”. Poi “Fast Horse” dal nuovo album: dal vivo è molto più carina. E l’immancabile “Precious Things” che mi aspettavo ma che mi è piaciuta. Poi la baraonda musicale di “Strong Black Vine” che ha avuto un po’ il gusto della follia e quindi mi ha preso (nonostante il pezzo non sia niente di chè). Dopo 2 ore di musica senza pausa, Tori è uscita un minuto. Ma è tornata subito con due elettrizzanti encore e tutto il pubblico (io mi sono precipitato!) in delirio sotto il palco. “Raspberry Swirl” e “Big Wheel” si sono trasformati in una festa di chiusura in cui tutti si sono divertiti, lei in primis: da sotto il palco ho visto dalle sue espressioni, quanto lei stessa ami suonare questi pezzi apparentemente meno intensi! Peccato solo che sotto il palco ci sia un’acustica pessima. Da vicino Tori mi è sembrata ancora bellissima, ma del resto dopo un concerto così, non poteva essere altrimenti: i miei occhi non potevano vedere alcun difetto! Grazie Mrs Amos per questa splendida serata. Grazie Tori per emozionarmi ed ispirarmi ogni giorno.

8 commenti:

Fly ha detto...

Una più che appassionata partecipazione traspare dalla recensione di questo splendido concerto… mi piace come la musica ti viva dentro e da spettatore
diventi protagonista, con le tue emozioni, dell’evento stesso… sembra quasi che oltre a vedere ed ascoltare Tori… Ella stessa diventa complice e coautrice del tuo sentire… una perfetta fusione d’anima e d’ispirazione…
Un abbraccio…
Fly

Cielo ha detto...

hihihi, se lo sa il mio ragazzo crepa d'invidia.. Chissà, se deciderò di fargli un regalo lo porterò ad un suo concerto un giorno.. Certo dovrò mettere in conto di sparire per tutta la durata dello spettacolo.. Ma aspetterò il pareggio con Steve Vai.. :D

A volte gli impulsi non vanno soddisfatti (farebbero più danni che altro), basta solo tirarlo fuori ;)

w ha detto...

non conosco tori amos.non so. sempre stato diffidente. mi piacerebbe andare all'auditorium, non l'ho mai visto. ci vai a vedere i depeche? sun on u.
P.S.: grazie dei cmt.

riri ha detto...

Caro Daniel non sono un'esperta di musica, non conoscevo questa cantante, ma mi hai incuriosito, quindi darò una sbirciatina:-) Una descrizione magnifica dove emerge tutta la tua passione..sai le sensazioni che hai descritto sono un pò simili alle mie e la prima volta che ho visto la Traviata ho pianto..tra un pò la ridaranno a Torino, forse ci ritornerò:-)
Ti abbraccio

Daniel ha detto...

Per Fly
Cara, come sempre vedi tra le righe. Per me Tori è una grande fonte di ispirazione. Anzi, a dirla tutta, se dovessi dare un volto e una voce all'Ispirazione, sarebbero il suo volto e la sua voce.

Per Cielo
Brava! Il tuo ragazzo ha gran gusto musicale! Guarda, dal vivo è un prodigio. Mille volte meglio che nei già bellissimi cd.

Per Mr W
Non devi essere diffidente verso Tori, credo ti conquisterebbe se le dessi una chance! Ci stavo pensando per i Depeche, non li ho mai visti live!

Per Riri
Un'anima sensibile non ha bisogno di essere esperta di Musica per apprezzarla. Tu hai tutto quello che serve per vivere la musica dentro.
Grazie
Daniel

Ludag ha detto...

Spark e Playboy Mommy, che fortuna! mi sa che tutti avremmo voluto per intero From the Choigirl Hotel...:-)

Elisa ha detto...

Tori Amos è una tra le pochissime artiste femminile che riesco ad ascoltare...La mia preferita resterà sempre Cornflakes girl...

Deve essere comunque emozionante andare ai concerti dei musicisti che si amano, un'emozione che non ho ancora avuto l'occasio di provare....

Daniel ha detto...

Per Ludag
Eh sì, scaletta eccezionale in effetti!
Direi che mancasse solo qualcosa da "Boys for Pele"..
un saluto!

Per Elisa
"Cornflakes" è un inno alla vita per me e sempre lo resterà.. Credo sia bellissimo sentire che dietro a tanta arte c'è un essere umano come te.. questo è il vero senso dei live secondo me..
un abbraccio