domenica 14 ottobre 2007

Dans la nuit





J’ai tué, oui l’autre face des mes rêves
Et j’espère de n’être plus mon triste maître
Non je ne peux pas dire
Que j’ai pu choisir

La sortie est dans les angles de la vie
Où certaines ont éprouvés à franchir
Avant la nuit
Toutes leurs limites

Dans la nuit
Je cherche de moi saisir
Mon esprit
Est en train de guérir
D’une maladie il y a longtemps me fait languir
C’est comme on dit, nous sommes des ombres sans l’ironie

Dans la nuit
Cette banlieue semble qui dit
C’est normale
être seuls comme je suis
avec les mains en train d’écrire une poésie
avec ma masque encore en train oh de mourir

J’ai perdu l’orientation de mon temps
Le levant c’est comme le ouest pour moi
Jours sont comme le vent
Où je vais-je ne sais pas

Dans la nuit
Je cherche de moi saisir
Mon esprit
Est en train de guérir
D’une maladie il y a longtemps me fait languir
C’est comme on dit, nous sommes des ombres sans l’ironie

Dans la nuit
Cette banlieue semble qui dit
C’est normale
être seuls comme je suis
avec les mains en train d’écrire une poésie
avec ma masque encore en train oh de mourir


Scritta a Rennes-Bretagne-France giovedì 11 ottobre

7 commenti:

Daniel ha detto...

NELLA NOTTE

Ho ucciso davvero l'altra faccia dei miei sogni
E spero di non essere più il mio triste maestro
No, non posso dire
Di avere potuto scegliere

L'uscita è negli angoli della vita
Dove alcuni hanno provato ad attraversare
Prima della notte
Tutti i loro limiti

Nella notte
Io cerco di comprendermi
Il mio ingegno
Sta per guarire
Da una malattia che mi fa soffrire da tanto tempo
E'come si dice, noi siamo soltanto ombre senza ironia

Nella notte
Questa periferia sembra che dica
Che è normale
Essere soli come lo sono io
Con le mani che stanno per scrivere una poesia
Con la mia maschera che sta per morire ancora

Io ho perduto l'orientamento del mio tempo
L'est è come l'vest per me
I giorni sono come il vento
Dove vado non so

Nella notte
Io cerco di comprendermi
Il mio ingegno
Sta per guarire
Da una malattia che mi fa soffrire da tanto tempo
E'come si dice, noi siamo soltanto ombre senza ironia

Nella notte
Questa periferia sembra che dica
Che è normale
Essere soli come lo sono io
Con le mani che stanno per scrivere una poesia
Con la mia maschera che sta per morire ancora

quetar ha detto...

vivo spesso di notte e ne sento tutta la magia, come gli odori che senza luce prendono forme più dure, più consistenti..e i rumori come ho detto.
è stato piacvole trovarti nel mio giovane blog, spero ancora.
un saluto

mai.esistita ha detto...

nella notte tutte assume un significato diverso, le ombre assumono nuovi contorni od addirittura perdono proprio consistenza... e ciò che è spesso appare altro... ma è nella notte e nel silenzio che sentiamo meglio ciò che attraversa il nostro io e ciò che da dentro tenta di emergere... e fintanto che dalla solitudine nasce una poesia c'è la speranza che qualcosa di buono e nuovo possa ad arrivare ad allietare queste notti buie...

Malù ha detto...

peccato che io i di francese nonne comprenda davvero nulla... meglio con l'inglese invece... E adoro "a sun at midnight"...Really I don't know if I'm waiting or looking for my sun at midnight, for my summer in the winter... I also don't known if that's what I want, if it's what I need...

Malù ha detto...

Ohi ohi "ragazzo"... (virgoletto perchè non conosco la tua età)... Mi sono fatta un giro nel tuo blog, come sempre faccio con le persone di cui mi attrae lo scrivere... E poi scopro sempre che queste persone sono il mio opposto, talmente opposto che quasi è uguale... stranezze del caso e del destino...
Saluti e spero passerai spesso...

il parra ha detto...

La solitudine è forse l'abito preferito dalla notte... in attesa dei giudizi della luce. ciao!

Laura ha detto...

Ma anche in francese! Se gli occhi non mi ingannano, sei stato in Francia... che bello...

Un abbraccio,
poeta della brughiera ;)