domenica 28 settembre 2008

New prospective


New prospective
can become true in a while
it’s electric
the mood I feel in a while
it’s as the soul was new born
the death it’s a God’s joke
I don’t fear it oh anymore
It’s a frontier we’ve to know

I am learning
There is nothing to feel down
What we are earning
It’s all a present so how
can we pretend to have more?
We are poor pupils of God
No we are not what we have got
We are just parts of a plot

It is almost divine
It seems a pure shine
I’m like a dull morning
I’m like a light evening

To live I have to cry
And to feel water inside
I live as you are dying
It’s not a choice of mine

New prospective
Can become dust in a while
Or it’s the exit
From the dark wood of the mind
When you can’t know where is the love
‘Cause of the misery of all
When you are fragile as chalk
Under the weight of a stone

It is almost divine
It seems a pure shine
I’m like a dull morning
I’m like a light evening

To live I have to cry
And to feel water inside
I live as you are dying
It’s not a choice of mine

7 commenti:

Daniel ha detto...

Nuova prospettiva

Nuova prospettiva
Può divenire vera in una notte
È elettrico
Il mio umore improvvisamente
È come se l’anima fosse appena nata
La morte è solo uno scherzo di Dio
Io non la temo più
È una frontiera che dobbiamo conoscere

Sto imparando
Non c’è nulla per cui essere giù
Quello che stiamo guadagnando
È tutto un regalo quindi
Come possiamo pretendere di avere di più?
Siamo solo umili allievi di Dio
No non siamo ciò che abbiamo
Ma siamo soltanto parti di una trama

È quasi divino
Sembra un puro splendore
Sono un mattino cupo
Sono una sera chiara

Per vivere devo piangere
E sentirmi come acqua dentro di me
Io vivo mentre tu stai morendo
Non è una mia scelta

Nuova prospettiva
Può diventare polvere in un momento
O può essere l’uscita
Dallo scuro bosco della mente
Quando non puoi sapere dove è l’amore
A causa della miseria di tutto
Quando sei fragile come il gesso
Sotto il peso di una pietra

È quasi divino
Sembra un puro splendore
Sono un mattino cupo
Sono una sera chiara

Per vivere devo piangere
E sentirmi come acqua dentro di me
Io vivo mentre tu stai morendo
Non è una mia scelta

Gabry in blog Belella ha detto...

Oggi sono andata in ospedale da Maddy-Delfino e ho aggiornato il suo blog con le ultime notizie!!!

http://vivereperraccontarla.myblog.it/

Fly ha detto...

“To live I have to cry
And to feel water inside”
So do I, and like water,
what is not given is lost.
Embraces
Fly
P.s.: I like the picture very much.

nienteebasta ha detto...

Bellissima questa, complimentoni..
Un saluto, a presto..

Anonimo ha detto...

peccato che dio non esista...i buchi non sono tutti recenti e che non si chiudono...e infatti la sensazione è perdita. malgrado si abbia anche tanto quello che si perde è proprio e si vuole compatto e dentro. vabbè buon lunedì almeno c'è il sole. nina

riri ha detto...

Grazie,è bellissima!!!
Approfitto del tuo spazio per un mio pensiero:



Siamo così fragili
come fuscelli al vento
uragano-tempesta
della vita.
Siamo così deboli
e ci chiudiamo
in una corazza rigida,un riccio.
Siamo così teneri
quando gli occhi di un bambino
c'incontrano,
siamo così grandi
quando gli occhi di un figlio
ci guardano.
Siamo così duri
quando la corazza
un pò ci scalfiscono,
siamo così buoni
se riusciamo ad amare
il nostro prossimo.
Siamo...così fragili!
Siamo così simili
quando l'amore ci unisce,
siamo così forti
quando abbiamo
una "missione" da compiere.
Siamo.....

Grazie,con"amicizia".

venereubriaca ha detto...

Bello bello bello bello!!! Non avevo davvero altre parole stavolta, scusami!
Grazie cmq per le tue, sempre utili, mi fa piacere saperti qui.
Un grosso bacio!