martedì 3 febbraio 2009

Day's dawning


Davanti alla finestra, nel chiaroscuro del primo mattino, sento il freddo penetrare tra le mie vertebre. E sento il profondo desiderio di fare a pezzi questo diabolico cielo post industriale. Che annuncia, nell’assoluta indifferenza, l’inizio di un’altra giornata insignificante. Vorrei ridurlo a brandelli, tagliarlo in sottili strisce e arrotolarle sotto il mio collo. Per lenire il dolore e la pesantezza dei miei pensieri compressi. Per asciugare il sangue che mi esce dagli occhi con le nuvole inquinate. Prima che mi piangano di nuovo addosso la loro infinita solitudine. “Our thoughts compressed, which makes us blessed and makes for stormy weather”. In fondo, cosa sono io nei confronti del cielo? Solamente pelle strisciante sulla terra. Un serpente assetato di vita che corre inconsapevole verso l’ennesima morte. E ora sono costretto ad inseguire l’alba e ad attendere il tramonto. “Day's dawning, skins crawling”. E così sarà fino a che non potrò divenire cielo anche io. Oltre l’apocalisse della mia anima. Ma non è ancora tempo. Perché anche questo cielo grigio di fumo rappreso è puro. Immensamente più di quanto io non possa essere. “Pure morning”.

Le parti in inglese sono tratte da “Pure Morning” by Placebo

Il dipinto è “Industrial Sky at Nightfall” by Tom Wanless

11 commenti:

jas ha detto...

Placebo..mi ricordi un ragazzo mio Amico,io cosi'lo considero,lo chiamo London.. A parte questo insofferenza,apatia,rassegnazione..Perche?

Cielo ha detto...

Cielo.
Io. :D
Pure Morning. Mi piace quella canzone, per quel "day's dawning, skins crawling, Pure Morning".
A friend in need's a friend indeed Dani... Ma lo sai che qui il cielo non è post industriale?
Forse perchè le industrie ci hanno solo sfiorato, e perché c'è sempre vento.. Te lo farei sentire, il cielo che c'è qui. Ci sono posti dove senti fisicamente il dominio della natura, dove noi altro non siamo che le briciole della Vita.

nienteebasta ha detto...

Potrei averlo scritto io questo post :-)

ciao grande, a presto . ..

Fly ha detto...

Buongiorno Daniel...
non che il mio buongiorno possa cambiare il tuo cielo... solo per dirti che ti sono vicina...
Molto efficace la descrizione di quel cielo che tanto conosco...
baci...
Fly

zoe ha detto...

si perchè il cielo è pur sempre grandioso nella sua immensità e nelle sue sfumature, noi, invece, cosa siamo a confronto? comunque creature striscianti(dici bene), che il cielo possono soltanto ammirarlo.

zoe ha detto...

si perchè il cielo è pur sempre grandioso nella sua immensità e nelle sue sfumature, noi, invece, cosa siamo a confronto? comunque creature striscianti(dici bene), che il cielo possono soltanto ammirarlo.

riri ha detto...

Inseguire l'alba e attendere il tramonto...

che è la vita, il giorno che ci appare, per poi scomparire col buio, ma esiste una finestra sempre aperta, quella dell'anima, ed il cielo, sì, siamo tutti noi, come le nuvole, che passano senza fermarsi, come il ruscello che va ed ancora il cielo, dove a volte i colori sono luminosi, su, in alto, quando è chiaro, allora ne facciamo parte, siamo anche parte del buio, ma poi se ne va..è il ciclo della vita..la nostra, soprattutto eleva un animo così..come il tuo.
ti abbraccio

jas ha detto...

Stavo in giro a lasciar saluti agli amici...quindi anche a te! A te il mio sorriso.Un bacio Daniel.

desaparecida ha detto...

il cielo cambia e la nostra anima pure....e non è male!
Un abbraccio ronf-ronf

isottalamora ha detto...

Mi sento immersa nelle tue parole come lo scoglio nel mare...

E anche io attendo sempre il tramonto...vorrei bloccare il tempo e gustarmelo in eterno,perchè delle fini ci si innamora.

Un abbraccio

venereubriaca ha detto...

...Bellissimo post, triste ma bellissimo.Poi io adoro Pure morning! Sembrerà stupido, ma a volte per tirarmi su ancora cerco di credere che dietro le nuovole, naturali o artificiali che siano, splende un cielo terso, di desideri...
Io??sto...Tu?
un bacio grande!