martedì 31 marzo 2009

Piove sul bordo del mondo


Piove sul bordo del mondo
sulle sigarette spente
sui giovani petali ossei
sull’ansia d’esistere

La vita scalza implora i giorni
il cielo sciolto sui rami d'ulivo
carezze fredde di mano incerta

Rinascita ancora nell’utero

10 commenti:

Cielo ha detto...

La versione giapponese?? Com'è?
Io adoro quell'album... Ha nella mia vita un signifcato particolare... Molto importante...
:)

Mi piace "rinascita ancora nell'utero"... Mi fa pensare a quante volte mi sono chiesta se l'essenza più pura della vita non stia nella gestazione... Quando la vita è ancora in potenza e non in atto...

Nicolanondoc ha detto...

Pozzanghere miste a sangue
che evaporano
per formare
nuove nubi nere..

Ti abbraccio Daniel

Gas ha detto...

Un bacio :-) Gas

riri ha detto...

Ho scritto un libro?in questi giorni,
poesie no, forse appunti-spunti,
modi di dire assidui-disagi-malesseri,
del quotidiano giorno.
Impacciata, un pò curva
"al peso della vita",
speranza un pò intravedo,
al grigiore del giorno.

Ti abbraccio Daniel, difficile commentare i tuoi Poems senza punto interrogativo, ti ripeto che scrivi da Dio, immergi la tua penna nelle ferite dell'anima e scavi...non vorrei dirti cose scontate, senza senso, la tua profonda cultura emerge..è un piacere..sempre.

jasmine ha detto...

La vita scalza implora i giorni
il cielo sciolto sui rami d'ulivo... Sublime leggere queste righe Daniel.
Un bacio :)

Fly ha detto...

Splendida! Sempre più belle le tue poesie, davvero!
Questa parla direttamente all’anima,
ma il corpo vorrebbe ancora coccolarsi nell’utero…
mai come in questa grigia giornata piovosa ritornerei a rifugiarmi in una tana calda e amorevole
e lascerei l’anima, la vita scalza ad implorare i giorni…
Ti abbraccio...
Fly

venereubriaca ha detto...

La vita scalza...Che bella immagine,sembra proprio che la pioggia di questi giorni ti stia ispirando! Eppure la dolce condanna è un'imminente Primavera per rinascere davvero, a partire dai sensi!
Grazie...baci

Fabioletterario ha detto...

Come sempre... devo farti i complimenti. A furia di farteli mi sa che non ci crederai più e invece sono sinceri...!

don luciano ha detto...

Ciao Daniel
Quando si smette di amare o si perde una persona amata ci si ritrova ad essere vecchi,e il nostro cuore diventa più arido. Questo racconto è molto vero e lo sento vicino alla mia vita.
C'era una volta un vecchio che non era mai stato giovane. In tutta la sua vita, in realtà, non aveva mai imparato a vivere. E non avendo imparato a vivere, …..
Ti aspetto sul mio blog e conoscere il tuo parere.

un abbraccio
don luciano

isottalamora ha detto...

Carezze fredde....ma pur sempre carezze.
Il cielo non é stato avaro di lacrime,ma oggi c'è il sole.
E lì,confusa tra qualche strato bianco,un'ombra di luna...

Il mondo è così stanco...ma ancora così dolorosamente bello..e dolce.

Un abbraccio