martedì 1 gennaio 2008

Last isotope of the year



One step on to your brink
And I am closer
To that knife so thin
The old year can murder
I think to be a seagull into the wind
But these bad dreams are just freezing my old wings

I’ve got a memory
It’s everlasting
What’s happened it is real
And it’s still blasting
I blaze in me and all my thoughts are burning fields
I blench to kill but I am risking to be killed

Doesn’t matter doesn’t matter
If these are the last words of the year or the first ones
I steal Music again from the
Last isotope of the year, so radioactive

I have refined my year
Through all my words
Now that I count my fears
My bet I’ve lost
I sow again without knowing what I’ll have
The time is that always promises never grants

Doesn’t matter doesn’t matter
If these are the last words of the year or the first ones
I steal Music again from the
Last isotope of the year, so radioactive

One step on to your brink
And I look forward

21 commenti:

Daniel ha detto...

L’ultimo isotopo dell’anno

Un passo sulla tua sponda
E sono più vicino
A quel coltello così sottile
Che può assassinare il vecchio anno
Io penso di essere un gabbiano nel vento
Ma questi sogni cattivi stanno congelando le mie vecchie ali

Io ho una memoria
Ed è eterna
Quello che è successo è reale
È sta ancora esplodendo
Io ardo dentro di me e tutti i miei pensieri sono campi che bruciano
Evito di uccidere ma rischio di essere ucciso

Non importa non importa
Se queste sono le ultime parole dell’anno o le prime
Io rubo di nuovo la Musica
Dall’ultimo isotopo dell’anno, così radioattivo

Ho rifinito il mio anno
Attraverso le mie parole
Ora che sto contando le mie paure
Ho perduto la mia scommessa
Semino ancora senza sapere che cosa avrò
Il tempo è colui che sempre promette e mai concede

Non importa non importa
Se queste sono le ultime parole dell’anno o le prime
Io rubo di nuovo la Musica
Dall’ultimo isotopo dell’anno, così radioattivo

Un passo sulla tua sponda
E guardo avanti



PS. Ecco che invece di fare le valigie per la Bretagna, ho scritto il primo pezzo del nuovo anno... e ora come si fa? Un nuovo augurio, carico di speranza, a tutti. A presto. Daniel

la tua cloe ha detto...

Ed ecco che mi riparti, proprio quando io torno.
Lascia le scomesse perse al passato, Dani. Impariamo ad archiviare le brutture, le sconfitte, le tristezze, le delusioni.
In quella valigia mettici la voglia di vivere che esiste dentro te. Perche' C'E'! altrimenti non potresti raccontarci l'immenso che ti contraddistingue, tenendo i nostri occhi incollati, per ore, al tuo blog.
Buon anno, Dani! di cuore!

la novella Bridget!

jana cardinale ha detto...

Io e Mirna funzioniamo così, all'unisono...e anche se ti conosco poco e da poco (ma grazie a lei e alle attente letture trascorse, consentimi, abbastanza) ti chiedo anch'io di relegare al passato l'acidità che voleva scalfire il tuo cuore, e di rimanere a farci sognare. Buon anno caro Daniel, e grazie.

Anonimo ha detto...

E così sei di nuovo in viaggio, dentro e fuori di te. Non so cosa ti porterà questo nuovo anno appena arrivato, ma spero davvero che quella leggerezza, di cui senti tanto il bisogno, giunga a toccarti, nonostante la sua sfuggevolezza. Lo spero tanto, davvero, anche perchè e perdonami questa punta di egoismo, credi che tre Amici sia ammissibile?, se così sarà busserò alla tua porta, per sapere cosa significhi provarla. A presto Dan. Gas

quetar ha detto...

ciao daniè, hoo , poi meglio fare le valige che vederle ammuffire nelle soffitte, non servono i bilanci, sanno un pò di rendiconto,e se non ne devi rendere è un bel'affare comuqnue,e poi il tempo del bilancio chi te lo ripaga?
ti incollo la firma che c'è in fondo alle mie mail.
" mi chiederò perchè quando non avrò tempo per fare altro".
( passa quasi inosservata,c'è chi ama tanto i titoli, o gli oggetti...shhh))
per cui amen la valigia, meglio un augurio, no?.

ciao ciao daniè.

Fly ha detto...

Tu pensi di essere un gabbiano nel vento... e lo sei...
e ti auguro un anno di voli leggeri sulle ali della libertà...
che la musica.... e il percorrerti... ti consentono...
la valigia può aspettare...

Un bacio...
Fly

Noalys ha detto...

Sarai in Bretagna mentre ti scrivo qui... Viaggi spesso... Ma un posticino ino ino in valigia per me? Sono piccina, non occupo tanto spazio sai? Sono pure leggera, a volte penso che mi hanno fatta al titanio... Sono in vena di cazzate... E quando ciò accade è perchè sono isterica sopra la media :)
Sbrigat'a'torna'! Un bacio.

Noalys ha detto...

Ancora non avevo sentito "In rainbows" ... Lo sto facendo oggi... E.. Sì, sono i nostri Radiohead... C'è tutto quello che nell'arte dovrebbe esserci...Cavolo! Un bacio.

Noalys ha detto...

PS: (e poi mi levo dalle palle, giuro!) ma la canzone che preferisci di quest'album?

Daniel ha detto...

cara Jana... grazie per le tue parole.. che sono apprezzate ora più che mai. Mi sto forzando di chiudere certe porte. E di cucire certe ferite. Vorrei un anno di Vita Nuova. E ti auguro lo stesso.
Un abbraccio
Daniel

Daniel ha detto...

Per Cloe, Gas, Fly, Noalys... sono tornato... da stamane provo a scrivere sui vostri blog.. ma non me lo permettono! Quando invio il commento mi dice "Impossibile trovare la pagina Web"
What's happening
Sob! Proverò più tardi...
Daniel

Ire ha detto...

Eccomi, sono tornata dal letargo ma non è che mi sia ancora svegliata del tutto... Sei appena tornato anche tu leggo, buon anno Dan

il parra ha detto...

Beh... solo dopo aver sepolto l'ultimo isotopo dell'anno, si può scoprire che aria tira in questo crepuscolare 2008. Sarà extra- large, small..... ci dicono tutti che è il nostro tempo senza nemmeno domandarci se è almeno della nostra taglia... ciao!

Noalys ha detto...

Oh che pizza che è alice certe volte.. A me faceva la stessa storia domenica, un culo per scrivere e poi "error 404 bla bla bla e cazzi e mazzi" ... Insomma, non era proprio così ma ci siamo capiti... Ben tornato daniè, un bacio.

Anonimo ha detto...

Vai tranquillo Dan, la pazienza,ahimè, non è tra le mie virtù, alla mia età il tempo corre ormai troppo veloce e averne è solo uno spreco :-)ma aspetterò che virgilio torni a comportarsi bene. Un tuo commento vale questo sacrificio:-) Bentornato, ossì, Bentornato. Gas

Daniel ha detto...

Anche oggi... niente commenti... non me li fa fare.... La pazienza non è nemmeno la mia miglior dote.. Voglio i commenti!!! SOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOB
Un abbraccio a tutti.. e grazie per il ben tornato!
Daniel

Laura ha detto...

Ciao Daniel, e auguri per il nuovo anno! Ti ho nominato come "thinkin blogger" :D
Ciao!

Noalys ha detto...

Vabbeh ma passiamo noi dai... Un bacio.

Daniel ha detto...

Cari tutti... il problema persiste, inizio a pensare non si risolverà.. mi è impossibile scrivere commenti a tutti coloro che hanno myblog.. e mi dispiace. Perché vorrei scrivere a tutti voi..
intanto vi abbraccio ancora
Daniel

Daniel ha detto...

Per Ire

Cara mia, pure io sono ancora mezzo in letargo.. è una stagione che invoglia al letargo... buon anno a te..Ire..baci

Daniel ha detto...

per Il Parra

Il 2008 è il nostro tempo? Mah... spero sia un tempo per vivere.. niente altro che questo...

Leggendo il tuo blog, circa il post "L'invidia del grembo" avrei voluto scrivere qualcosa..

Eh sì Mr Parra....si chiama Marketing di produzione dei bisogni.. prima si crea un prodotto.. poi si produce un bisogno che può essere soddisfatto solamente da quel prodotto... e lo si diffonde come fosse un bisogno indispensabile... Infine si attua la consueta campagna di marketing del prodotto che copre quel bisogno!

Dice Eddie Wedder in "Society"

You think you have to want
more than you need
until you have it all you won't be free

When you want more than you have
you think you need
and when you think more than you want
your thoughts begin to bleed

Buon anno Parra!
Daniel